Livet
"Negli ultimi anni siamo riusciti ad aumentare la percentuale di successo delle fecondazioni in vitro, grazie ad un modello da noi sviluppato."

Il modello
predittivo

Un processo su misura

Dalla collaborazione con la Clinica Linnè di Uppsala in Svezia, è stato sviluppato un programma di gestione dei trattamenti che permette la personalizzazione del percorso terapeutico per ciascuna coppia e la valutazione della migliore strategia d'intervento: lo abbiamo chiamato modello predittivo.
Poiché ogni coppia è unica come la storia delle persone che la compongono, il modello predittivo è basato sulla valutazione delle caratteristiche cliniche personali e sulla struttura degli embrioni. Grazie ad esso, possiamo valutare con accuratezza qual è il protocollo di stimolazione migliore e quali metodiche di laboratorio sono più indicate in ciascun trattamento. Durante il trattamento possiamo, infatti, acquisire molte informazioni sulla riserva ovarica, sulla qualità degli ovociti, sull'interazione tra ovociti e spermatozoi, e sulla qualità degli embrioni. Questi dati ci orientano quotidianamente nelle scelte di tempistiche e modalità di trattamento. La decisione di estendere la coltura embrionaria fino allo stadio di blastocisti, ad esempio, può essere presa solo due giorni dopo il prelievo ovocitario, quando è possibile valutare la qualità embrionaria.

repubblica.it
salute.aduc.it